Marketing immersivo e i trend più attesi per il machine builder

Sempre più il “machine building” ovvero l’ideazione e realizzazione di macchinari e automazioni per la produzione di parti e componenti necessari ai processi produttivi industriali, sta velocemente introducendo nuove tecnologie per aumentare la produttività e la qualità dei macchinari con un conseguente miglioramento, spesso significativo, della redditività aziendale accompagnato ad un vantaggio competitivo non indifferente. 

Intelligenza artificiale, marketing immersivo, algoritmi predittivi e diverse altre tecnologie sono oggi in grado di ottimizzare le attività del reparto tecnico migliorandone le performance ed offrendo nel contempo al marketing aziendale importanti elementi di diversificazione dalla concorrenza con il risultato finale di essere più attraenti per i potenziali nuovi clienti. 

Ecco i trend del 2019 da prendere in considerazione valutandone attentamente l’implementazione in azienda. 

I trend più attesi per il settore machine building del 2019 

L’intelligenza artificiale 

Macchine che imparano autonomamente a lavorare meglio grazie all’Intelligenza Artificiale (in questo caso si parla più specificamente di Machine Learning) ed algoritmi predittivi sul comportamento dell’automazione stanno sostituendo il lavoro umano nelle sue mansioni più ripetitive per affiancarlo invece nelle mansioni più complesse o più pericolose. L’aiuto che ci arriva dall’applicazione dell’intelligenza artificiale è e sarà sempre più importante per non dire assolutamente necessario in azienda.  

L’accuratezza e la rapidità di una macchina capace di comportamenti discrezionali simili all’umano grazie all’intelligenza artificiale provoca e produce una continua ottimizzazione dei tempi e dei modi produttivi, ottenendo risultati sempre migliori e maggiore sicurezza nelle linee di produzione. 

L’esempio di Siemens 

Siemens, la nota multinazionale tedesca, già utilizza l’apprendimento automatico applicato ad alcune apparecchiature per capire ad esempio come incrementare la produzione di energia elettrica dal funzionamento delle turbine eoliche.  

Come funziona il modello da loro pensato? 

  • Software e sistemi di intelligenza artificiale raccolgono i dati sulle condizioni meteorologiche nel tempo contestualizzati ai diversi scenari climatici 
  • Grazie alla quantità e qualità di informazioni contestualizzate raccolte, il sistema effettua delle previsioni sufficientemente accurate su come la velocità dei rotori delle turbine venga influenzata dalla direzione e tipologia dei venti che le turbine incontrano. 
  • Da questa mole di dati, gli algoritmi di Intelligenza Artificiale modificano regolando in modo del tutto autonomo la posizione dei rotori e la loro resistenza passiva in funzione delle condizioni del vento così da garantire una maggiore produzione di elettricità. 

Il cloud 

Il cloud è il sistema di elaborazione e archiviazione dati che sfrutta la rete internet per raccogliere e trasmettere le informazioni ai diversi utenti. 

Oltre ai vantaggi fisici, perché è più veloce, non richiede installazioni e non occupa la memoria del computer, il cloud è utile anche per le sue applicazioni flessibili e funzionali.  

Attraverso una semplice connessione, più reti sono in grado di collegarsi e comunicare tra loro, da remoto. Questo è un grande vantaggio soprattutto per le imprese di medie o grandi dimensioni, abituate a trattare grandi moli di informazioni: con un semplice clic, qualsiasi dato e progetto sarà a disposizione può avere tutto a disposizione con un clic di un pulsante.  

Di conseguenza, le attività sono completate più rapidamente, i prodotti vengono realizzati più velocemente e le richieste dei clienti sono affrontate in modo più efficiente. 

Il cloud, se viene collegato all’edge computing, diventa una risorsa competitiva di vantaggio per l’azienda. 

Introducendo l’elaborazione dei dati locale e ad alte prestazioni direttamente all’interno del sistema di automazione, l’analisi dei dati basata su app può essere gestita anche al di fuori del nucleo del cloud, più vicino al punto in cui entra in contatto con il mondo fisico. 

L’esempio di Volkswagen 

L’azienda automobilistica tedesca è stata tra le prime ad utilizzare il cloud per offrire nuove funzionalità ai propri clienti, tra cui la connettività domestica intelligente, un assistente digitale personale, il servizio di manutenzione predittivo e lo streaming multimediale. 

Lo scopo di Volkswagen è quello di elaborare un approccio efficace per la gestione e la trasmissione di grandi quantità di dati ai suoi veicoli, da qui la necessità di utilizzare una piattaforma di archiviazione e comunicazione basata su cloud.  

Il marketing immersivo 

Per marketing immersivo si fa riferimento alla modalità comunicativa con cui si fa vivere all’utente un’esperienza immersiva multisensoriale e interattiva: attraverso video, visori per la realtà aumentata e cataloghi interattivi, è possibile dimostrare tutte le potenzialità di un oggetto, ad esempio il nostro macchinario, senza averlo realmente di fronte a noi. 

La Mixed Reality nel settore machine building diventa così uno strumento di fondamentale importanza per facilitare diverse attività in azienda, ma anche e soprattutto in  ambito  marketing, per catturare l’interesse dei potenziali clienti e mostrare loro nel dettaglio tutte le funzionalità di un macchinario (se vuoi approfondire l’argomento, leggi il nostro articolo sulla Mixed Reality e come aiuta a vendere di più). 

Come dicevamo in apertura gli strumenti tipici del modello “marketing immersivo” sono: 

  • il catalogo interattivo che permette di visualizzare dal proprio tablet o smartphone il funzionamento di una macchina osservandone in dettaglio anche le specifiche tecniche così da sostituire in modo definitivo il semplice e classico catalogo da esposizione; 
  • la realtà aumentata che, abbinata ad appositi visori, permette di fare ancora di più immergendosi proprio all’interno del contesto in cui vive l’oggetto che stiamo visualizzando ed avendo la sensazione estremamente realistica di interagire con esso sperimentandone tutte le funzionalità.

Grazie a questi strumenti ed alle nuove tecnologie oggi disponibili sia per le fiere di settore ma anche per dimostrazioni “al volo” in luoghi non predisposti agli eventi, è possibile mostrare ad esempio il macchinario a dimensioni naturalievitando le problematiche ed i relativi costi di trasporto e di logistica, mettendolo in azione per dimostrare al potenziale cliente tutte le caratteristiche tecniche e, cosa pressoché impossibile nel caso di assenza della Mixed Realityosservarne anche il preciso funzionamento nelle  sue parti interne, per apprezzarne meglio la meccanica, i dettagli tecnici e le soluzioni adottate. 

La tecnologia della realtà virtuale e aumentata guiderà anche il settore del machine building e gli spunti a cui attingere per migliorare le qualità dei prodotti e conseguenti successi nelle vendite sono davvero molti. Vuoi saperne di più sulla realtà aumentata e su come può essere utilizzata per migliorare il marketing e le vendite nella tua azienda?